Dischetti struccanti riutilizzabili o no?

Avete mai fatto caso a quanti dischetti utilizzate ogni giorno per struccarvi?

Ogni mese vengono usati migliaia di dischetti usa e getta non riciclabili, che oltre a farvi spendere tanti soldi inutili, inquinano oltremodo: i dischetti e il sacchetto di plastica in cui sono contenuti, infatti, possono inquinare i fiumi, la fauna locale ed avere un grave impatto sull'ecosistema, per cui oltre ad essere un vero e proprio spreco, sono un ulteriore danno per l'ambiente.


I dischetti struccanti riutilizzabili hanno la caratteristica di essere lavabili, sono dunque l'alternativa sostenibile ai classici dischetti di cotone idrofilo usa e getta. Riutilizzabili fino a 300 volte, garantiscono un bel risparmio economico e, sopratutto, riducono l’inquinamento causato dai dischetti di cotone (non riciclabili) e della loro confezione di plastica.

Possono essere lavati dopo aver rimosso ogni traccia di trucco e impurita', a mano con acqua calda e sapone o comodamente in lavatrice a 30 gradi direttamente nel loro sacchettino. I materiali di cui sono fatti solitamente spaziano dal cotone organico al bambù, fino ad arrivare al lino, alla microfibra e alle fibre vegetali.



Ultimamente, siccome l'argomento sta a cuore a tutti noi, ne stanno nascendo vari tipi in commercio, come ad esempio questi creati a mano da Una Bionda Per la Pelle, fatti in morbida spugna di bambu', antibatterico naturale che sono una coccola per la pelle e possono essere utilizzati per rimuovere il trucco con latte detergente o acqua micellare e per applicare il tonico picchiettandolo sul viso.

Potete trovarli in vendita anche su www.skincaremyo.com nella sezione shop.


Prendiamoci cura di noi e dell'ambiente!






6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti